Gente distratta

by Tupamaros

supported by
/
1.
2.
3.
03:21
4.
5.
6.
03:48
7.
8.
04:59
9.
03:07
10.
11.

about

L'album di esordio dei Tupamaros.
Il download contiene anche il booklet del CD, con testi e foto

credits

released May 1, 1998

Tupamaros:
Francesco Grillenzoni - voce e chitarre
Stefano Garuti - fisarmonica, hammond, cori
Marco Sghedoni - contrabbasso, basso elettrico, chitarra elettrica
Simone Forghieri - batteria, cori

Hanno suonato e cantato inoltre:
Marino Severivi - voce ne "Il signor Hood"
Sandro Severini - chitarra elettrica ne "Il signor Hood"
Simone Ghelfi - slide guitar in "Carnevale", e coro in "Qual è il prezzo" e "Canto dei misteri"
Lucio Caliendo - batteria in "Sciopero"
Enrico Prandi - "pianoforte in "7° comandamento"
Francesco Borsari e Andrea Ghidoni - cori in "Ti ho visto"

Registrato e mixato persso lo studio Acquario di Carpi nel febbraio 1998 da Enrico Prandi

license

all rights reserved

tags

Track Name: Qual è il prezzo
Quale è il prezzo

Quale è il prezzo per un giovane cuore
Quale è il prezzo da Manila a Bankgok
Quante notti per le strade di Rio
Occhi duri che non piangono più

Partono voli di piacere
Dalle caste città d’Europa
Sono stimati e timorati di un Dio
Che non va in trasferta!

RIT
Quale è il prezzo quale è il prezzo
Quale è il prezzo per un giovane cuore
Quale è il prezzo quale è il prezzo
C’è chi lo chiama anche amore

Padre modello, marito caro ma
Ma con un buco in fondo al cuore
Cerchi luce lontano da qui
Ma rubi luce..che non ti illuminerà

Libero scambio di libero amore ma
In questa giostra senza libertà
Lasci denaro perché è quello che hai
Ma ciò che rubi non ti servirà!

RIT
Quale è il prezzo quale è il prezzo
Quale è il prezzo per un giovane cuore
Quale è il prezzo quale è il prezzo
C’è chi lo chiama anche amore

Quale è il prezzo per un giovane cuore
Quale è il prezzo da Manila a Bankgok
Quale è il prezzo che dobbiamo pagare
Per continuare a non guardare?

RIT
Quale è il prezzo quale è il prezzo
Quale è il prezzo per un giovane cuore
Quale è il prezzo quale è il prezzo
C’è chi lo chiama anche amore
Track Name: Canto dei misteri
Canto dei Misteri

Erano le 21
E su Roma pioveva
I carri erano pronti
Ma la pioggia santa li fermò
Questo è il primo mistero di chiediamo verità
Golpe Borghese e non mi fermo qua
Se posso io, non mi fermo qua..

E passano 10 anni
E a uno strano incontro li chiamò
La camorra e la brigata
E lo scudo santo si salvò
Per 30 denari Giuda non tradì
Questo è il secondo mistero ed io
Io non mi fermo qui almeno io…non mi fermo qui

E negli anni 80 l’Italia il trucco si rifà..
I segreti sono nelle banche
E nei maestri sta la verità
Il terzo mistero
Parla di rinascita ( democratica)
Attendi gli anni 90
E il sogno si avvererà
Purtroppo il sogno
Si avvererà.

E l’ultima strofa
Chissà chi la canterà
Per quello che ho dimenticato
E per quello che verrà
Troppi misteri
E noi chiediamo verità
Troppi misteri
Per fermarci qua
Per fermarci qua
Per fermarci qua
Per fermarci qua!!!
Track Name: La danza
La Danza

Nel grande bosco cadeva neve
Noi l’assaggiammo, è tutta qua
La grande colpa, il grande inganno
Scioglierla al sole che male che fa

Ma nel giardino dei trafficanti
Noi non c’entrammo mai, invece voi..
Per noi c’è il bosco, o la stazione
E un sole che scioglie ma non scalda più

E un’altra danza si fa guardando la libertà andare via
E un altro giro però non toglie la realtà di una prigionia…

Ma dei santoni e dei guaritori
Mi fan paura le macellerie
Mi fanno senso i troppi sorrisi
E una pietà che sa di S.P.A.

E un’altra danza si fa guardando la libertà andare via
E un altro giro però non toglie la realtà di una prigionia…
E un’altra danza si fa guardando la libertà andare via
E un altro giro però non toglie la realtà di una prigionia…
E un’altra danza si fa guardando la libertà andare via
E un altro giro però non toglie la realtà di una prigionia…
E un’altra danza si fa guardando la libertà andare via
E un altro giro però non toglie la realtà di una prigionia…
Track Name: Settimo comandamento
SETTIMO COMANDAMENTO

E a dire quel che si pensa
si incontrano varie difficoltà
l'uomo ti guarda e sorride
convinto della sua verità.

L'uomo porta un abito lungo
un abito lungo e un collare
però a guardarlo bene
legato non pare.

L'uomo tratta temi imbarazzanti
inadatti a discorsi da altare
e giustifica il furto con Salmi
contro chi non ti da da mangiare.


Circondato da saponette
e abbagliato da insegne invitanti
c'è da essere illuminati
per vedere i cartoni ambulanti.

È la luce negli occhi di chi
non ha smesso di azzardare
È la luce negli occhi di chi
ha un sogno da coltivare


E a dire quel che si pensa
si incontrano varie difficoltà
sia la voce di un superiore
o della pubblica autorità.
Track Name: Carnevale
CARNEVALE

E questa storia nasce al sud
nasce da strade insanguinate
storie in bianco e nero, rosso sangue blu
delle auto blu

Le auto bl dei funerali
con lo Stato in prima fila
con le preghiere e la bandiera
e due cazzate per far sera anzi notte
notte fonda

Notte sui molti delitti
notte su tutti i mafiosi iscritti
compagni di partito e business
mafiosi, esperti di diritto


E questa storia vola al nord
con la velocità di un aeroplano
e come un aereo può cadere giù
e la verità finire via volare via
lontano

E questa storia siamo tutti noi
che ce la stiamo a raccontare
c'incazziamo, ci calmiamo
infine noi accettiamo
ancora Carnevale

Carnevale sono troppi delitti
troppi mafiosi iscritti
compagno di partito e business
Carnevale, purtroppo, professionista
del diritto
Track Name: L'altra verità
L’altra verità

Aspettavano alle porte dell’impero
Vendendo coca cola di contrabbando
Aspettavano sapendo molto bene
Che le mura stavano crollando
E al discount di Francoforte
Comprarono uno stock di sogni andati
Quando le porte dei mercati si aprirono
Erano i primi: gli ero,i i santi…. I commercianti!
E i missionari laici di occidente
Diffuserono perline e detersivi
Spiegarono i valori universali
Patria Famiglia..e Capitali
Ma quando Zagabria e Sarajevo
Fecero ciao all’orso di Belgrado
Cambiarono gli articoli sui banchi:
Erano bibbie, corani…e munizioni
..e munizioni….. e munizioni…..

E per le bionde donne di Polonia
Si aprirono le strade di Germania
E per le bionde donne di Polonia
Le strade…e i marciapiedi di Germania

E al teatrino della pace di Bruxelles
Giocavano a monopoli in versione slava
Gli imprevisti erano cecchini
E le pedine croati e mussulmani
E intanto a Mosca gli orsi stavano brindando
Con vodka di qualità cecena
Fecero un rutto per i fratelli serbi
Figli anch’essi di grande e santa
Madre Russia!!!
.Madre Russia….. .Madre Russia…..

E per le bionde donne di Polonia
Si aprirono le strade di Germania
E per le bionde donne di Polonia
Le strade…e i marciapiedi di Germania

Deutschland, Deutschland über alles,
über alles in der Welt,

If you like Tupamaros, you may also like: